TRACINA: PESCIOLINO BORCHIATO

TRACINA: pesciolino con la cresta

TRACINA: pescetto innocuo o temibile predatore?

Oggi vogliamo parlarvi di un grazioso pesciolino che abita i nostri mari. È un pesciolino di color bianco che ama mimetizzarsi nei fondali cristallini… peccato che abbia un’arma di difesa aggressiva… una cresta con gli aculei!
Poniamo il caso di essere al mare. È una giornata afosa, il sole è alto e non soffia un filo di vento. Sennonché per fortuna siete al mare e decidete di rilassarvi con una bella passeggiatina sulla battigia… la freschezza delle onde sui piedi e sulle gambe vi dona immediato refrigerio… ad un tratto sentite una puntura sotto la pianta del piede… un dolore allucinante! Oh no! Ti ha punto una tracina!

TRACINA: dove abita?

Questi pesci amano sguazzare nei fondali sabbiosi dei mari italiani e più in generale in tutto il Mar Mediterraneo e sulle coste atlantiche europee.

TRACINA: caratteristiche

Hanno un corpo a forma di cilindro, piatto sul ventre con una bocca grande rivolta verso l’alto e degli occhi, anch’essi grandi, posti in cima alla testa. 

La loro livrea è di colore giallo-biancastro, perfetta per mimetizzarsi con il fondo sabbioso. Sono di piccole dimensioni e variano dai 15 cm ad un massimo di 53 cm.

TRACINA: spine velenose

La caratteristica principale di questa specie sono le spine dorsali.  Sul dorso, infatti, hanno una cresta costituita da 5 o 6 raggi di spine molto robuste collegate ad una ghiandola velenifera. Queste spine generalmente sono abbassate, ma quando la tracina fiuta il pericolo o una preda, ecco che diventano belle dritte e appuntite! Ma non finisce qua! Hanno delle spine velenose anche nelle branchie!

TRACINA: come caccia le prede?

Come dicevamo, la tracina ama trascorrere il suo tempo sprofondata beatamente dentro il fondale sabbioso e morbido. 

Una volta comodamente adagiata sul fondale e bella nascosta, l’unica parte del corpo che rimane fuori dalla superficie della sabbia sono gli occhi e gli aculei. Furbetta!

Come procede all’attacco?

Semplice! Appena adocchiata la preda, attende che si avvicini per uscire velocemente e colpirla!

Cosa mangiano le tracine?

Si cibano principalmente di pescetti e crostacei.

Al contrario, non hanno grandi predatori. i loro aculei sono temutissimi dagli altri pesci… un dolore allucinante! 😱

TRACINA: è pericolosa per l’uomo?

Essendo dei pesci chiari che si mimetizzano perfettamente con la sabbia bianca, sono davvero difficili da individuare. Inoltre, come dicevamo, amano particolarmente i mari italiani e i fondali bassi… quindi è possibile trovarle anche sul bagnasciuga… fate molta attenzione a calpestarle inavvertitamente!

TRACINA: aculei velenosi… mamma mia che dolore!

Il dolore e il bruciore provocato dagli aculei è fortissimo! Tanto da coinvolgere tutta la gamba fino all’inguine! Se malauguratamente venite punti, il dolore è violento e progressivo!
Infatti, arriva al suo apice dopo 30-45 minuti dalla puntura per poi proseguire nelle successive 24 ore con formicolii e insensibilità. Spesso l’intesità è così forte da generare nausea, vomito, giramenti di testa e svenimento… per fortuna però questo veleno non è letale… fa solo un gran male!

TRACINA: rimedi popolari

Come per le meduse, anche in questo caso se ne sentono di tutti colori… sui giornali, in tv, sembra che ognuno abbia la sua “tattica segreta” per scampare dal dolore, ecco i due più assurdi:
– spegnere la sigaretta sulla zona colpita – pessima mossa 😱 ustione su ustione;
– fare la pipì sulla ferita – oltre ad essere inefficace, è un rimedio disgustoso.

TRACINA: rimedi veri

Ovviamente quelle citate sopra sono solo credenze popolari e sono del tutto inefficaci. Pertanto, se doveste entrare in contatto con delle tracine, ecco dei piccoli accorgimenti da seguire:

  • sciacquare con acqua di mare e cercare di togliere ogni frammento di spina rimasta nella ferita;
  • Immergere la ferita in acqua molto calda; serve per attenuare il dolore;
  • disinfettare la zona colpita possibilmente con acqua ossigenata.

Per tutte le altre cure è necessario rivolgersi al medico!

Dunque ricordate: non saranno letali, ma di certo non è piacevole farsi pungere da questo pescetto!… per cui: occhi alla tracina!

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *