PESCARE A PANE: ROCK BREAD DRIFTING

Pescare a pane in mare senza galleggiante? E’ possibile grazie al Ultra Light Rock Bread Drifting! Scopriamo insieme i segreti di questa affascinante tecnica di pesca!

Come abbiamo visto nell’articolo postato settimana scorsa Pescare in Mare dallo scoglio, pescare a pane nel mare è molto divertente e può essere anche molto economico: si possono insidiare diverse tipologie di pesci utilizzando un’unica esca! Oggi vogliamo presentarvi una variante alla pesca con il galleggiante, molto semplice e spassosissima!

Si tratta della tecnica di pesca chiamata “Ultra Light Rock Bread Drifting”! Ma in cosa consiste? E’ una pesca tanto semplice quanto efficace e si può praticare effettuando questi tre semplici passaggi

  • legare un amo al monofilo di una canna a da spinning;
  • innescare un bel boccone di pane;
  • lanciarlo in acqua e lasciare che la corrente lo trasporti.

Basta seguire questi tre semplici passaggi e attendere l’abboccata! Ma vediamo insieme nel dettaglio come effettuarla!

PESCARE A PANE  PESCARE A PANE

OCCORRENTE PER PESCARE A PANE

  • Una canna da spinning da 2/2,5 mt;
  • imbobinare il mulinello con del monofilo dello 0,18 fluorocarbon;
  • ami a gambo lungo senza ardiglione del num.15-12-10;
  • classico pane.

Chiudono il kit uno straccio, una pinzetta, una forbicina e uno slamatore.

Vi consigliamo alcune piccole aggiunte: un monofilo per terminali dello 0,14/0,16 fluorocarbon e una micro girella.

COSTRUZIONE MONTATURA

PESCARE A PANEPer pescare a pane con la tecnica Rock Bread Drifting non esiste una vera e propria montatura. È sufficiente legare un amo alla lenza madre e il gioco è fatto!

Canna

Come accennato, l’ideale sarebbe utilizzare una canna da spinning da 2/2,5 metri. Nel caso vogliate evitare di portare la vostra attrezzatura con voi potete, procurarvi nei negozi Decathlon una piccola canna con il mulinello a prezzi davvero contenuti e che possa stare nel vostro trolley da viaggio.

Monofilo

L’ottimale sarebbe imbobinare un mulinello con del fluorocarbon del diametro dello 0,16/0,18. Tale materiale è consigliato, perché resistente alle abrasioni e risulta invisibile nell’acqua. Un monofilo fluorocarbon di minimo 100 mt ha un costo non poco rilevante. Noi scegliamo di effettuare l’imbobinamento del mulinello con un nylon dello 0,18. Il terminale verrà legato alla lenza madre da una micro girella che inseriamo sempre nelle nostre montature, in quanto ruotando su sé stessa impedisce i fastidiosi arrotolamenti del terminale in fase di recupero dell’esca.

Terminale

Utilizzeremo come terminale un fluorocarbon dello 0,12/0,14 di circa 50/70 cm, a cui legheremo un amo a gambo lungo senza ardiglione rigorosamente al carbonio.

La scelta del materiale dell’amo non è da sottovalutare in quanto i grossi esemplari di salpe o saraghi potrebbero rompere in due pezzi la vostra arma lasciandovi con l’amaro in bocca! L’abbiamo imparato a nostre spese!

PESCARE A PANE PESCARE A PANE Pescare a pane

ESCA

Come dice il nome della tecnica, l’esca da utilizzare è il classico fiocco di pane. Il migliore da innescare sull’amo resta la treccia francese, ma in mancanza possiamo ripiegare sul Pan Bauletto della Mulino Bianco o il pane bianco utilizzato per i tramezzini. Entrambi hanno un’ottima consistenza e risultano idonei per l’innesco.

QUANDO E DOVE PRATICARLA

Pescare a pane con la tecnica Rock Bread Drifting può essere fatto ovunque, ma i posti migliori restano le scogliere, i porti e i moli artificiali, per maggiori dettagli potete vedere la sezione “quando e dove praticarla dell’articolo pesca in mare dallo scoglio”. Sconsigliamo di praticarla in condizioni di vento molto forte, potrebbe essere difficile vedere le abboccate dei nostri pinnuti! In quelle condizioni meglio utilizzare il classico galleggiante!

TECNICA DI PESCA

PESCARE A PANEOk, ma come si pesca? Come facciamo a lanciare se non ci sono piombi? Come vediamo l’abboccata?  Rispondiamo a questi punti!

Per prima cosa parliamo dell’innesco. È proprio peso del pane e la sua consistenza che ci permetterà di lanciare l’esca! Dovrete creare una piccola pallina di pane e pungerla con l’amo, in modo tale che l’amo ne venga interamente ricoperto. In tal modo, la vostra esca fungerà anche da piombo e vi permetterà di effettuare il lancio.

La tecnica di pesca è molto semplice: una volta innescato il pane sull’amo lanciate davanti a voi, successivamente lasciate l’archetto del mulinello aperto, così da far scorrere il vostro boccone dove lo spingerà la corrente! La canna va tenuta sempre con la punta verso la riva del mare e il filo non deve essere mai in tensione, ma sempre al bando! Per avere successo, dovrete pasturare continuamente creando delle piccole palline di pane e gettandole continuamente nella zona dove avrete lanciato la vostra esca. Un’alternativa potrebbe essere di pasturare con del pane grattato mixato a dei piccoli pezzettini di pane.

Al pane grattato va aggiunta dell’acqua quanto basta a formare delle palle che a contatto con il mare si sgretoleranno man mano che scenderanno verso il fondo! A questo punto, non vi resta che aspettare l’abboccata del vostro avversario! Già… ma come vedo l’abboccata? Semplice quando avverrà l’abboccata il vostro filo si metterà in tensione e dovrete prontamente ferrare!

PICCOLO CONSIGLIO

La difficoltà di questa pesca sta nel capire il momento giusto in cui ferrare! Sembra facile, ma in condizioni di mare mosso non è sempre semplice vedere una toccata, le onde spesso mettono in tensione il filo e possono trarre in inganno. Al contrario, in caso di mare calmo e privo di correnti, le abboccate avverranno ugualmente, ma spesso e volentieri durante la calata della nostra esca. Per cui quando l’esca raggiungerà il fondo perderà parte del suo potere attrattivo! In questo caso, consigliamo di ricominciare: recuperare e rilanciare l’esca.

Non preoccupatevi! All’inizio è normale ferrare a vuoto, ma con l’esperienza capirete la differenza e riuscirete a ferrare anche sulle toccate più sensibili!

A questo punto non vi resta che caricare una bella canzone rock sul vostro smartphone e andare a divertirvi! Buon divertimento con l’Ultra Light Rock Bread Fishing!

PESCARE A PANE PESCARE A PANE PESCARE A PANE PESCARE A PANE

Non dimenticatevi di mettere mi piace sulla nostra pagina facebook e di seguirci su instagram!

 

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. lorenzo irmici ha detto:

    ottimo consiglio grazie

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *