NOCE DI MARE: UNA JELLY BELLY NEL MARE

NOCE DI MARE: è una medusa?

Noce di mare: affascinante quanto temibile?

È domenica pomeriggio… siete belli spaparanzati sulla vostra barchetta a remi nel bel mezzo del blu dipinto di blu… il sole è alto e risplende su tutta la costa… vi sentite belli cotti a puntino e decidete di rinfrescarvi con un bel tuffo… lancio, salto carpiato e splash! Con la coda dell’occhio vi accorgete di qualcosa di strano… delle mininavicelle gelatinose hanno assediato lo scafo della barca… fugaaaaaaa!

NOCE DI MARE: dove vive?

La sua patria è l’Oceano Atlantico, luogo in cui ama ondeggiare nei bassi fondali, poveri di ossigeno. 
Ama in particolare proliferare negli estuari caratterizzati da acqua calda e povera di ossigeno.

In breve tempo si è spostata conquistando altri mari tra cui Mar Nero, Mar Baltico e Mar Caspio. È giunta anche in Italia annidandosi lungo le coste del Mar Adriatico, dal Golfo di Trieste raggiungendo il Gargano. 

Ma come ha fatto una creaturina così minuscola e all’apparenza così innocua a spostarsi così tanto?

Semplicemente attaccandosi alle zavorre delle navi e lasciandosi trasportare beatamente.

NOCE DI MARE: caratteristiche

Come avrete notato, si tratta di animali molto simili alle meduse! Sono costituite al 97% da acqua e sono piccoline: al massimo possono raggiungere i 12 centimetri di lunghezza per 2,5 cm di larghezza.

Come le meduse, anche questi animaletti, sono gelatinosi e morbidosi come delle jelly belly!
Hanno un corpo di forma ovale, trasparente e luminescente come una startlight! Insomma: un’affascinante mininavicella spaziale!

Se guardate bene la foto qui di fianco, potrete notare che sul corpo sono presenti sei lobi corredati di piccole ciglia… sembrano dei miniocchi!

A cosa servono?
Non ci crederete, ma servono per muoversi! Funzionano come dei minipropulsori ed emanano impulsi di luce verde! Proprio come una navicella aliena! Davvero affascinante!

NOCE DI MARE: è nociva per l’uomo?

Nonostante assomigli ad una medusa… si tratta di un’altra specie e non è urticante. Come vedete dall’immagine, come le meduse, è dotata di tentacoli, ma non sono urticanti.. anzi! Sono solo appiccicosi come le arrampicata palms con cui giocavamo da bambini.

E a cosa servono?

Semplice: ad incollare le le loro prede come se fossero degli stickers!

NOCE DI MARE: specie invasiva

Come il pesce scorpione e il gambero killer, la noce di mare è una specie molto invasiva che riesce adattarsi in modo impressionante a nuovi habitat ed è molto tollerante ai cambiamenti ambientali. Riesce quindi ad ambientarsi rapidamente in qualunque habitat modificando addirittura le proprie abitudini alimentari in funzione dell’ambiente circostante. Ed è così che si nutre di larve, di uova di pesce e di zooplacton distruggendo e spezzando interi ecosistemi. In altre parole: si nutrono delle specie autoctone, ma soprattutto rubano il cibo ai nostri pesci! 😞

Certo loro saranno anche affamati e proliferi, ma qual è il prezzo che pagano le altre specie?

Basti pensare al caso del Mar Nero: in pochissimo tempo hanno cancellato dalla faccia della terra intere specie ittiche 😢

NOCE DI MARE: e in Italia?

E’ tra le 100 specie più invasive al mondo e purtroppo ha raggiunto anche l’Italia.
La prima noce di mare è stata avvistata nel 2005 nel Golfo di Trieste e nel 2016 si è verificata una proliferazione massiccia. Si può parlare di una vera e propria invasione… la noce di mare ormai ha conquistato tutta la costa dell’Adriatico, dal Golfo di Trieste raggiungendo addirittura il Gargano. 

Come risolvere il problema?

Alcuni biologi stanno meditando sull’ingaggiare un “esercito” speciale e ricreare una battaglia galattica tra specie aliene. L’idea è di introdurre la Beroe Ovata, superghiotta di noci!

Non sappiamo se si tratti o meno dell’unica via percorribile, una cosa è certa dobbiamo SALVAGUARDARE LE NOSTRE SPECIE AUTOCTONE E PRESERVARE LA BIODIVERSITÀ!

Non dimenticate di seguirci su Facebook e su Instragram! 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *