Muzza: sfida a tutta velocità

Muzza: correnti veloci, fondali medio alti, pesci sani e forti, acque limpide

Muzza: un canale difficile, un campo di prova dove testare la propria tecnica ed esperienza.

Una sfida per tutti gli appassionati di questo sport, un luogo in cui ogni pesce acchiappato assume sempre un sapore particolare, perché ogni cattura non è mai per caso.

Muzza: un canale da scoprire

La Muzza è una diramazione del fiume Adda che nasce nel Comune di Cassano d’Adda e termina la sua corsa nel Comune di Castiglione d’Adda per poi immettersi nuovamente nel fiume padano. Un canale lungo circa 60 km con una portata sempre rilevante che raggiunge il suo apice nella bella stagione. La larghezza del canale è molto variabile, passa dai 40 metri del tratto iniziale fino ad arrivare ai 10/15 metri del tratto finale. La Muzza è caratterizzata da una corrente molto veloce e da un fondo quasi sempre costante che si aggira intorno ai 2-3 metri, ad eccezione delle zone delle chiuse dove spesso si formano buche profonde anche 5/7 metri e bellissimi rigiri d’acqua.

Muzza: quali specie ittiche si possono pescare?

Questo canale è famoso per i super baffoni che pinneggiano indisturbati sul fondo ghiaioso, dei veri colossi che possono raggiungere tranquillamente anche i 4 kg di peso!! Inoltre, il canale è popolato da cavedani, carpe, scardole, persici, alborelle, pighi, rutili, qualche luccio e tanti siluri.

Dove pescare sulla Muzza?

Questo corso d’acqua offre davvero tantissimi spot!

Per questo articolo abbiamo pensato di soffermarci sul tratto che scorre a cavallo dei comuni di Lodi e Lodi Vecchio. Nello specifico, si tratta della zona che inizia a valle della chiusa e continua fino a raggiungere il ponte della Statale SP 115 che collega i due Comuni. I pesci che puntiamo, quando affrontiamo questo spot, sono principalmente i grossi barbi che pinneggiano indisturbati sul fondo del canale.

Inoltre, segnaliamo che in questa zona è presente un campo gara FIPSAS. L’area in oggetto si trova sulla sponda destra del canale a circa 100 mt a valle del ponte e si estende fino all’altezza della Cascina Mascarina.

Muzza: come ci si arriva?

Raggiungere questo spot è facilissimo! Provenendo da Milano, consigliamo di percorrere l’Autostrada A1 direzione Bologna prendendo l’uscita Lodi. Successivamente, è sufficiente seguire le indicazioni per Lodi attraversando il comune di Muzza Sant’Angelo. Una volta giunti alla rotonda della SS 9, basta seguire le indicazioni per Milano, imboccando la statale per poi prendere l’uscita Lodi Vecchio/Sant’Angelo Lodigiano. A questo punto non resta altro che percorrere la SP 115 fino a raggiungere il ponte della Muzza.

Muzza: dove possiamo parcheggiare?

Informazione sempre utile per chi ama scoprire nuovi spot! C’è un piccolo spiazzo nelle immediate vicinanze del ponte che attraversa il canale dove è possibile parcheggiare l’auto. Dal parcheggio è possibile raggiungere a piedi qualsiasi punto del canale.

Quali regolamenti sono vigenti?

Questo tratto di Muzza è gestito dalla FIPSAS, pertanto la pesca è consentita solamente ai tesserati. Inoltre, questa particolare zona è regolamentata “dal bacino n. 6 Fiume Adda Sublacuale”. Tale regolamento è consultabile sul nella sezione “Regolamenti di Pesca” del nostro sito.

Quali tecniche utilizzare in questo spot?

Viste le caratteristiche dello spot, è possibile praticare diverse tipologie di pesca tra cui la roubasienne, utilizzando magari dei galleggianti a vela o il ledgering, utilizzando pasturatori con una zavorra sufficientemente pesante. È possibile praticare anche lo spinning per andare alla ricerca dei siluri, oppure il carpfishing in vicinanza delle chiuse. Tuttavia, la pesca che viene più utilizzata in questo tratto è la passata con la classica bolognese da 5/7 metri.

Perché scegliere di pescare sulla Muzza?

Effettivamente, vi sono spot molto più facili da affrontare, e dunque? Perché andare alla ricerca di un posto così difficile? E’ proprio questa difficoltà che ci spinge ogni anno ad affrontare questo bellissimo canale dove ogni pesce catturato ha sempre il suo perché e ci trasmette una soddisfazione impagabile!

Muzza: Riassunto Spot

E a noi? Com’è andata la nostra giornata di pesca sulla Muzza?

Se volete scoprire la nostra esperienza, date un’occhiata al nostro articolo pubblicato sulla rivista “Pesca In”.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *