LANCA DI COMAZZO E I SUOI CAVEDANI

Lanca di Comazzo, un meandro del fiume Adda immerso nel verde! Se vi piace il gioco difficile, i furbi cavedani della Lanca di Comazzo vi attendono!

La Lanca di Comazzo è una riserva naturale immersa nel Parco Adda Sud. La Lanca è un ramo morto del Fiume Adda formatosi durante una piena e che nel tempo si è trasformato in una splendida oasi naturale.

Lanca di comazzo Lanca di comazzo Lanca di comazzo Lanca di comazzo

Come Raggiungere la Lanca di Comazzo

La Lanca è completamente immersa nel verde e per raggiungerla è sufficiente impostare il navigatore su questo indirizzo: Via Giacomo Leopardi, Comazzo. Per chi proviene da Milano è sufficiente percorrere la Strada Statale Paullese, attraversare il comune di Paullo, svoltare in direzione del Comune di Merlino/Comazzo e seguire la strada fino a raggiungere il ristorante il Bocchi. Una volta qui, per raggiungere la lanca, dovete semplicemente percorrere una piccola stradina che vi porta direttamente a destinazione.


Dove Parcheggiare nella Lanca di Comazzo

Qui sotto trovate un’immagine in cui sono evidenziate in azzurro le aree dove è possibile parcheggiare.

Lanca di comazzo

Regolamenti di pesca della Lanca di Comazzo

La Lanca di Comazzo è inserita nella Provincia di Lodi. Vediamo insieme dove possiamo praticare la nostra passione senza incorrere in sanzioni!

Come si evince dal Regolamento del Bacino dell’Adda sublacuale, è possibile pescare solamente per un tratto limitato. Infatti, quasi tutta la Lanca è soggetta a protezione e ripopolamento ittico naturale. Principalmente la pesca è sempre vietata, ad eccezione della porzione in sponda destra tra il punto di immissione dell’Adda e il restringimento all’altezza della trattoria Bocchi. In pratica, è possibile pescare solamente sulla sponda destra e nel tratto che inizia a partire dalla cascata fino al rudere posto a monte della cascata. Attenzione a non confondere il rudere con la casa galleggiante presente sulle sponde della Lanca. Qui è possibile pescare. Nella cartina sottostante abbiamo evidenziato in rosso la zona ove è possibile pescare,  in ogni caso ricordiamo che la pesca è consentita esclusivamente ai possessori della Licenza di pesca e tessera FIPSAS. Per maggiori  informazioni potete scaricare il regolamento di pesca Bacino dell’Adda sublacuale cliccando su questo link.

Lanca di comazzo

Specie Ittiche della Lanca di Comazzo

Lanca di comazzoPer anni abbiamo frequentato questo spot che ci ha regalato splendide giornate di pesca! Le catture erano frequenti e i combattimenti bellissimi. C’erano tantissime specie presenti: Breme, Gardon, Scardole, Persici Reali, Persici Sole, Lucci, Cavedani, Pighi, Tinche e grosse Carpe erano all’ordine del giorno. Purtroppo, negli ultimi tempi si è verificata una drastica riduzione del pesce…

Quali sono le cause della scomparsa/spostamento delle specie ittiche? Mah, forse anche i pesci ogni tanto decidono di traslocare proprio come fanno le persone, ma molto più probabilmente lo spot in questione è stato maltrattato per troppo tempo e questo è uno dei tanti effetti collaterali… Attualmente pescando da riva le uniche specie che si riescono a catturare sono dei grossi cavedani, qualche Persico Reale e qualche Persico Sole. Purtroppo ci spiace ammetterlo, ma tutte le altre sono solo un bellissimo ricordo. Tuttavia, di recente abbiamo avvistato numerosi avanotti nel sottoriva: la speranza è che presto la Lanca ritrovi il suo splendore.

 Come pescare nella lanca di comazzo?

Dopo questa lunga premessa, come mai oggi siamo qui a suggerirvi questo spot?  Semplice!

Come dicevamo, tra i pesci ancora presenti ci sono i nostri cari cavedanoni, che nonostante la bassa pressione di pesca del periodo, continuano ad essere molto scaltri e furiosi!

Per cui, se amate le mission impossible e amate mettervi alla prova in situazioni di pesca estrema alla ricerca di questi meravigliosi ciprinidi, allora questo spot fa al caso vostro!

Ma ora passiamo alla parte interessante: come fare a catturarli? Lanca di comazzo

Generalmente quando andiamo alla Lanca ci armiamo di:

  • canna a mulinello da 5/6mt (il nostro consiglio è di utilizzare una 5mt, molto più leggera e versatile, consente ferrate più veloci in risposta alle velocissime abboccate del nostro avversario);
  • mulinello imbobinato con del monofilo dello 0,14 max 0,16 se volete riutilizzarlo per altre passate;
  • galleggianti affusolati per acque ferme (se volete avere maggiori informazioni sulla scelta dei galleggianti cliccate su questo link) da 0,10 a max 0,30 gr( consigliamo vivamente i primi);
  • piombini piccolissimi del num.12/13;
  • micro girella del num. 24;
  • terminale dello 0,08 di nyilon;
  • ami rigorosamente al carbonio senza ardiglione del num. 24/23/22 e in casi estremi del 26.

E come esca? I classici 500 gr di bigattini.

La montatura viene predisposta in questo modo:

  • galleggiante;
  • bulk di piombini che tari l’70% del peso del galleggiante posti ad una distanza di 20 cm dalla micro girella;
  • micro girella;
  • terminale dello 0,08 con amo del 22 di lunghezza non superiore ai 30/35 cm.

Lanca di comazzoPer avere uno schema grafico di come realizzare la montatura, potete guardare questo link tecnica della passata – pesca in acque ferme.

Una volta fatta la montatura, iniziamo a pescare! La tecnica è molto semplice e consiste nel fare una pesca rigorosamente a galla con un max di 50 cm di fondo. Per attirare gli astuti ciprinidi, ogni volta che lanciamo la lenza, buttiamo una manciata di cagnotti sul nostro galleggiante in modo che la nostra esca cali insieme alla pastura. Quando arriveranno i cavedanoni si creerà una sorta di competizione alimentare e prima o poi qualcuno cederà all’inganno!!

Riassunto spot pesca

Non dimenticatevi di mettere mi piace sulla nostra pagina Facebook e di seguirci su Instagram!

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *