FIUMI IN PIENA: QUALE PESCE CATTURARE?

FIUMI IN PIENA: QUAL È IL PESCE CHE POSSIAMO CATTURARE IN QUESTE PARTICOLARI CONDIZIONI? L’ABBIAMO CHIESTO A VOI!

Fiumi in piena: cosa fare?

L’autunno è quel periodo dell’anno caratterizzato da intense piogge e umidità. È un periodo in cui in un batter d’occhio il livello dei fiumi si alza e non è affatto semplice pescare in presenza di acque torbide, correnti impetuose, sponde impraticabili e numerosi detriti trasportati dalla corrente.  Ed è qui che sorge il dilemma dei dilemmi: “cosa conviene fare? Attendere l’abbassamento del livello del fiume, oppure sfruttare a nostro vantaggio la situazione e sfidare la piena?

Dobbiamo ammetterlo, sono davvero tantissimi i pescatori che non si lasciano intimorire dalle piene stagionali. Ovviamente non è un gioco da ragazzi e richiede qualche astuzia. Per esempio, è fondamentale saper valutare ogni tipologia di piena, attendere il momento giusto, capire quando la pioggia inizia ad affievolirsi e l’acqua comincia a diventare meno torbida. Non dimentichiamoci, infatti, che tali condizioni ossigenano l’acqua, portano nutrimento ai pesci che si preparano all’inverno, sfruttando queste occasioni per riempirsi lo stomaco! Ma di questo abbiamo già parlato in vari articoli come “Pescare con l’acqua alta … non dilunghiamoci oltre e passiamo subito al quesito della settimana: “qual è il pesce più facile da catturare con i fiumi in piena?

Abbiamo deciso di chiederlo direttamente a voi con un semplice sondaggio su Instagram

FIUMI IN PIENA QUALE PESCE CATTURARE – RISULTATI DEL SONDAGGIO

Le opzioni erano: siluro, pigo, barbo e cavedano. Seppure stiamo parlando di quattro pesci che si catturano con tecniche diverse, non avete avuto dubbi e la risposta è stata inequivocabile… durante le piene c’è un pesce che sicuramente ha la precedenza su tutti gli altri!

FIUMI IN PIENA QUALE PESCE CATTURARE – RISULTATI DEL SONDAGGIO


Siamo d’accordo con voi! Durante le piene questi pesci diventano molto attivi e la loro cattura è tremendamente possibile! Non dimentichiamoci, però, che anche i cavedani sono molto più attivi rispetto al solito. In queste condizioni, infatti, non è raro riuscire a catturarli a spinning soprattutto in presenza di acqua torbida e correnti veloce. Il loro istinto predatorio viene completamente riattivato dai fiumi in piena! Per non parlare dei barbi: l’autunno è il periodo magico per questi pesci! Per catturarli è indispensabile trovare una zona dove l’acqua rallenta e se c’è un branco di barbi, state pur certi che le abboccate non si faranno attendere.

Tuttavia, c’è un altro esemplare che, forse essendo presente solo in alcuni fiumi del Nord Italia, ha ricevuto pochissimi voti: il pigo. Dobbiamo spezzare una lancia a favore di questi ciprinidi, perché le piene ed il raffreddarsi dell’acqua attivano vertiginosamente il loro appetito. La cattura di pighi di media taglia non è un caso: in queste situazioni meteorologiche, le abboccate si susseguono a ripetizione ed il divertimento è assicurato!

Per cui: se siete cacciatori di grossi predatori, appassionati di spinning, passatisti o appassionati di feeder approfittate di questo periodo magico, perché la sua durata è limitata!

LA CLASSIFICA COMPLETA

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *