CALAMARO VAMPIRO: MOSTRO INNOQUO?

IL CALAMARO VAMPIRO: UNA CREATURA INFERNALE?

Dopo lo squalo goblin, questa settimana vogliamo rimanere nel tema di Halloween e parlarvi di un’altra creatura mostruosa: il calamaro vampiro!

Si tratta di piccolo cefalopode gelatinoso di colore rosso e nero che si aggira nelle profondità più tenebrose, intorno ai 600 e 1000 m dove vivono le creature più strane e spaventose.

Passa il suo tempo girovagando in questi territori oscuri e misteriosi, alla ricerca di temperature gelide e pertugi dove nascondersi.  Immaginatevi per un attimo di essere al buio e ad un tratto di vedere un occhio gigantesco di colore rosso o blu! Sensazione da brivido!

Visto così potrebbe sembrare anche un molluschino carino, ma una volta che si capovolge e spalanca i suoi tentacoli, allora sì che fa davvero paura! Sembra quasi un ritocco fatto ad arte con photoshop, invece madre natura ha proprio deciso di crearlo così!

CARATTERISTICHE

Come dicevamo, possiede dei grandi occhi di colore rosso o blu che sono in grado di rilevare anche le luci più fioche.

Ma la parte più inquietante è proprio qui di fianco. Possiede una membrana che unisce 8 tentacoli ricoperti da cirri spaventosi, delle spine minacciose che servono per difendersi. Sembrano proprio i canini dei vampiri! Quando percepisce un predatore, spalanca il suo mantello da Batman e mostra i suoi aculei!

Se guardate meglio al di fuori di questa membrana, noterete due tasche in cui si nascondono dei tentacoli ritrattatili. Questi filamenti possono essere lunghi anche 8 volte la dimensione del loro corpo, ma a cosa servono? Pare che permettano di percepire i predatori, ma principalmente sono utilizzati per raccogliere il cibo.

ALIMENTAZIONE

Nonostante si chiami calamaro vampiro, per fortuna non è assetato di sangue! Da un recente studio pubblicato sul National Geographic (link) sembra che si nutra principalmente di placton, alghe, materia fecale, frammenti di gusci e altri detriti. Insomma, un mollusco che si nutre di roba disgustosa e di spazzatura!

Ma non finisce qui! Una volta raccolto il cibo con i tentacoli pelosi, lo appallottolano con del muco per creare delle “deliziose” polpette. Davvero rivoltante!

MA QUINDI… SE NON SUCCHIANO IL SANGUE E NON AZZANNANO LE PREDE, PERCHÉ SONO CHIAMATI CALAMARI VAMPIRI?

Proprio come i vampiri, odiano la luce! Sono creature della notte che si nascondono nel buio più assoluto e che adorano fluttuare nelle viscere dei mari. Ondeggiano silenziosi in zone in cui l’ossigeno scarseggia e per farlo riducono al minimo il loro metabolismo, rallentando i battiti e attivando al massimo il risparmio energetico. E avete visto i loro occhi enormi? Sono così rossi che sembrano emanare il famelico lampo ipnotico dei vampiri.

MA COME FA A FLUTTUARE NEL BUIO?

Non ci crederete, ma il calamaro vampiro brilla di luce propria! Infatti, è ricoperto di organi chiamati fotofori che può accendere e spegnere a piacimento. Questi organi gli permettono di emettere una luce bluastra e di essere bioluminescenti! Questa bioluminescenza può essere modulata e viene utilizzata come arma di difesa. Infatti, con dei rapidi lampi di luce abbaglia i predatori ed ha tutto il tempo per nascondersi nell’oscurità. Pensate per un attimo di essere sottoposti ad una serie di lampi di luci intermittenti: roba da far girare la testa!

Ma la parte più disgustosa non è ancor arrivata. Infatti, in caso di necessità è anche in grado di produrre un fiotto di muco bioluminescente bluastro. Immaginatevi che bello essere impiastriccati di muco blu!

Per concludere e rispondere alla domanda iniziale, possiamo dire che il calamaro vampiro nonostante le apparenze è un bonaccione! E di certo non è pericoloso per l’uomo!

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *